CFI home
         

AstroSat-SkyWave

AstroSat-SkyWave è un programma congiunto
della UAI (Unione Astrofili Italiani)
e di AMSAT-I (AMateur SATellite Italia).

Il sistema consiste di due nanosatelliti di circa 50 kg ciascuno, lanciati in un'orbita polare a 800 km di altezza.
Il primo satellite porterà un carico primario "ottico" e uno o più esperimenti secondari.
Il secondo satellite porterà 2 carichi primari: un ricevitore pluribanda per costituire, unitamente a radiotelescopi a terra, un sistema interferometrico con una "baseline" molto grande (SB-VLBI, Space Based Very Long Baseline Interferometer) operante da 1,4 a 24 GHz, per la caratterizzazione delle deboli emissioni da parte di radiostelle; ed un "topside sounder" ovvero un radar pulsato operante nella banda 0,3-10 MHz per il sondaggio della ionosfera terrestre al fine di migliorare le previsioni sulla qualità della propagazione in banda HF.
Entrambi i nanosatelliti possono accogliere anche altri piccoli carichi secondari.
Un Segmento Terrestre di tipo distribuito, per la raccolta e l'elaborazione dei dati, completa il Sistema.



IL PRIMO SATELLITE porterà un telescopio da 250 mm di diametro a f/3,6 che sarà impiegato in tre missioni:

a) Fotometria: la missione mira alla scoperta di esopianeti all'interno di una fascia di + o - 40° sul piano dell'eclittica tramite la rilevazione di eventuali piccole fluttuazioni di magnitudo della stella.
b) Riprese di immagini: questa missione intende fornire agli astrofili un accesso facilitato allo spazio per pianificare ed eseguire in remoto la ripresa di immagini del cielo senza disturbo atmosferico e con i lunghi tempi di osservazione fattibili con il satellite in assetto inerziale.
c) Spettrometria: la missione intende raccogliere informazioni sulla emissione luminosa di stelle preselezionate. Lo spettrometro copre la banda dal visibile al vicino infrarosso con una risoluzione spettrale sui 5 micron.
Il telescopio sarà equipaggiato con un supporto mobile che porterà 2 CCD, ciascuno da 2.000 x 2.000 pixel, posizionabili su comando al centro del fascio collimato. Un foro passante, anch'esso riposizionabile su comando, lascia passare il fascio ottico collimato verso l'ingresso dello spettrometro posto al di sotto del piano focale.
Un altro strumento, attualmente considerato in 2° priorità, potrebbe consistere di un ricevitore operante nella banda 10-40 MHz per l'ascolto di radioemissioni solari e/o gioviane.



IL SECONDO SATELLITE porterà due carichi primari.

1 - UN RICEVITORE PLURIBANDA operante nel campo di frequenze da 1,4 a 24 GHz collegato ad una antenna parabolica da 3 m di diametro apribile in orbita la cui superficie riflettente è costituita da una rete di dacron metallizzato.
Opererà in 2 modi:
a) nella modalità non-cooperativa il ricevitore effettuerà misure radiometriche delle emissioni di radiostelle, generando informazioni relative alla potenza media del segnale ricevuto e alle sue caratteristiche spettrali, rendendo possibile calcolare la velocità relativa della stella dallo spostamento del segnale per effetto Doppler-Fizeau.
b) nella modalità interferometrica il ricevitore opererà in sincronismo con uno o più radiotelescopi a terra puntati sulla stessa radiosorgente. La baseline interferometrica molto lunga, può arrivare fino a circa 9.000 km, permette di ottenere elevate risoluzioni.
2 - TOPSIDE SOUNDER ovvero un radar pulsato operante nella banda da 0,3 a 10 MHz.
Gli impulsi di energia a RF diretti verso il basso interagiscono con gli strati atmosferici elettricamente caricati che riflettono un'aliquota dell'energia EM incidente. Gli echi ricevuti ed elaborati forniscono una rappresentazione in tempo reale delle caratteristiche spazio-temporali della ionosfera che influenzano notevolmente la propagazione delle onde radio al di sotto dei 10 MHz. Oltre a contribuire a migliorare le previsioni della qualità della propagazione EM, l'esperimento fornirà un importante contributo agli sforzi di ricerca relativi allo "space weather".



IL SEGMENTO TERRESTRE oltre alla Stazione di Telemetria e Telecomando e al Centro di Controllo Missione, duplicate per motivi di affidabilità e di continuità del servizio, avrà le seguenti caratteristiche:
- i radioamatori potranno ricevere ed elaborare i dati telemetrici trasmessi dai satelliti in banda UHF amatoriale
- gli amatori partecipanti ai gruppi di lavoro sullo "space weather" potranno ricevere ed elaborare i dati acquisiti dal "topside sounder"
- radioastronomi equipaggiati con terminali che consentano la ricezione e la parziale elaborazione di segnali e dati interferometrici, trasmessi in banda S potranno ricevere direttamente questi segnali, oppure connettersi via web alla Stazione primaria per scambi bidirezionali
- istituzioni didattico-educative potranno accedere via web ad un database con i dati e i programmi fruibili da parte degli studenti e permettendo loro di percorrere "strade guidate" verso l'acquisizione di certe abiltà

CHI BENEFICIA DEL PROGETTO - Oltre ad andare incontro alle aspettative di comunità scientifiche ed amatoriali, il Progetto mira a contribuire in modo significativo alle attività sia di Istituzioni Accademiche che delle Scuole Secondarie e Professionali:
- stabilendo accordi di cooperazione con singoli Dipartimenti Universitari, assegnando tesi di laurea o cofinanziando dottorati
- accettando giovani laureati come volontari nell'ambito di Gruppi di Lavoro specifici
- definendo, con gli Istituti Tecnici, programmi di formazione mirati, per esempio, a coinvolgere gli studenti nella ricezione ed elaborazione dei dati.

Un ulteriore contributo alla didattica satrà un sito web dedicato per scambi interattivi - tipo "Forum" - tra i progettisti, i fruitori dei dati prodotti dagli esperimenti e le Istituzioni Educative che parteciperanno al Progetto


Torna ad Articoli scientifici del SETI italiano

Torna alla home page di SETI ITALIA G. Cocconi



Copyright © 2009 Bruno Moretti Turri
I documenti, i grafici e le immagini pubblicati su questo sito sono copyrighted.
Collegamenti (links) a questi documenti sono permessi e incoraggiati.
Nessuna copia può essere fatta senza permesso del webmaster